Novità

Tutto quello che c’è da sapere sulla rinoplastica

Consigli utili per chi vuole rifarsi il naso

La rinoplastica è un’operazione di chirurgia plastica scelto sempre più spesso da tutte quelle donne che desiderano rifarsi il naso per eliminare difetti personalmente insopportabili. Diversa dalla rinoplastica è, invece, la rinosettoplastica, un’operazione volta a migliorarne non solo il lato estetico, ma a correggerne anche le imperfezioni del naso. Vediamo insieme quali sono i pro e i contro della rinoplastica.

La prassi generale
Ci sono informazioni e prassi che è bene conoscere esaustivamente prima di sottoporsi a tale intervento. L’operazione avviene principalmente in anestesia locale, mentre la fase di recupero dura almeno 4 o 5 giorni. La fase postoperatoria prevede inoltre dagli 8 ai 10 giorni di gesso contenitivo, decorsi i quali potrai scoprire il tuo nuovo naso e ritrovare un nuovo volto!

Dopo l’operazione, per almeno 2 mesi circa, è bene evitare ogni tipo di trauma al naso, rinunciando anche all’utilizzo degli occhiali. L’intervento avviene eseguendo delle incisioni nella parte interna delle narici, procedendo allo scollamento del tessuto, e procedendo quindi ad un’incisione interna o ad una esterna. È esigua, ma pur sempre reale, la percentuale di coloro i quali in seguito al primo intervenendo deve ritornarvi ad apportare dei ritocchino periodicamente.

I pro dell’operazione
Tra i pro della rinoplastica c’è il suo essere praticamente indolore, mentre i suoi effetti risultano visibili in pochissimo tempo: anche a due o tre settimane dall’intervento. Anche la funzionalità dell’apparato sarà perfettamente ripristinata e la sensazione di naso chiuso o le difficoltà respiratorie scompariranno completamente. La rinoplastica è un intervento che può essere fatto a tutte le età, che non produce cicatrici visibili ed, inoltre, può essere effettuato in day hospital o, al limite, con una sola notte di degenza.

I contro della rinoplastica
Come tutti gli interventi, anche la rinoplastica è da considerare attentamente, specialmente quando il suo utilizzo è un puro fattore estetico. Non sono pochi i pazienti che, resisi conto dell’assoluta non necessità di rifarsi il naso ricadano poi in stati depressivi causati dalla loro incapacità di riuscire ad accettare il cambiamento.

Prima di procedere concretamente verso questa decisione è quindi opportuno avere un confronto ed un dialogo concreto con il chirurgo che andrà ad operare per ottenere risultati soddisfacenti. È bene spiegare ad un chirurgo esperto i risultati che ci si aspetta di vedere per non avere poi brutte sorprese allo specchio.

 

 

(Da MyPersonalTrainer)

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. Leggi tutto...